Rape ‘nfucate (Cime di rapa stufate alla salentina)

Print Friendly, PDF & Email

Rape ‘nfucate (Cime di rapa stufate alla salentina) –  Certi ingredienti, come le cime di rapa, non hanno bisogno di preparazioni complicate per rendere la loro bontà. Il segreto di questa ricetta della tradizione salentina è la scelta al banco, la mondatura e, sopratutto, la stagionalità. Ormai siamo agli sgoccioli il “tempo delle rape” è quasi finito, quindi tutti a caccia di rape!
cime di rapa

Vota la ricetta: Vote This Post DownVote This Post Up (5 votes, average: 1,00 out of 5)

INGREDIENTI (porzioni per 2/4 persone )

  • 1 Kg Cime di Rapa;
  • Olio Extravergine d’Oliva;
  • 1 spicchio d’Cipolla medio;
  • 1 tazzina di Peperoncino (facoltativo, ma vivamente consigliato);
  • Scaglie di Sale;
  • Vino Bianco;

Tempo totale:

Rape ‘nfucate – Preparazione

Pulite le rape e lavatele sotto l’acqua corrente, senza scolarle troppo, mettetele in una pentola con il sale, coprite con un coperchio e portate su fuoco medio. Lasciate appassire le rape per circa 10 minuti durante i quali rilasceranno l’acqua di vegetazione. Quando le rape saranno appassite, aggiungete l’olio in abbondanza e la cipolla tagliata a striscioline sottili (qualcuno mette anche aglio, noi NO). Seguendo la ricetta di mia suocera (Leccese d.o.c.) aggiungerete anche un cucchiaio di vino bianco. Regolate la fiamma in modo che le rape cuociano, per quanto possibile, nella loro stessa acqua e, se occorre, aggiungete un bicchiere d’acqua portando a cottura. Se gradito, potrete aggiungere un peperoncino (per i salentini è d’obbligo). Per qualcuno le rape potrebbero risultare amare, in questo caso vi consiglio (contro tutte le mie convinzioni) di sbollentare le rape prima di eseguire questa preparazione… tuttavia, se la vostra scelta è stata buona, non ce ne sarà bisogno perché la rape, quelle buone, non sono eccessivamente amare!

Precedente Torta salata ricotta e spinaci Successivo Involtini di vitello