Pasta al pesto di zucchine

Print Friendly, PDF & Email
Pasta al pesto di zucchine Quest’oggi vi propongo una preparazione molto semplice e con pochi ingredienti facilmente reperibili per questa stagione, una ricetta fresca dal sapore insolito e leggero. Un’ottima scelta per pranzo, ma anche una valida alternativa per una cenetta magari seguita da un secondo di pesce..
pasta con pesto di zucchine
INGREDIENTI( porzioni per 4 persone )

  • 320 g Pasta formato linguine o pasta lunga;
  • 200 g Zucchine di piccole dimensioni
  • 80 g di parmigiano reggiano;
  • 40 g + una manciata mandorle pelate;
  • 10 foglie di menta*;
  • Olio extra vergine d’oliva, sale, pepe.

Tempo totale:

PASTA AL PESTO DI ZUCCHINE – Preparazione

Tritate una manciata di mandorle pelate per formare una granella non troppo sottile. pasta con pesto di zucchine 1Nel mixer procedete a brevi scatti, poi setacciate la granella per dividere l’eventuale farina formatasi durante la tritatura. Scaldate un cucchiaio d’olio in un padellino e fatevi dorare la granella di mandorle mescolando di tanto in tanto. Procedete con cautela, la granella facilmente potrebbe bruciare.

Tagliate le zucchine a spicchi per lunghezza ed eliminate i semi, poi lessatele al dente in acqua salata. Scolatele recuperando l’acqua di cottura. Lasciate raffreddare le zucchine, poi frullatele con
con le foglie di menta, 40 g di mandorle pelate tritate e il parmigiano grattugiato. pasta con pesto di zucchineRegolate la densità aggiungendo olio a filo; infine regolate la sapidità (se lo gradite, potete aggiungere un po’ d’aglio nel pesto).
Lessate le linguine nell’acqua di cottura delle zucchine, scolatele e condite con il pesto.
Impiattate con un filo d’olio e un pizzico di pepe macinato, poi guarnite con la granella di mandorle.
* E’ d’obbligo una precisazione sulla quantità di menta da utilizzare, un ingrediente essenziale per la buona riuscita di questa preparazione. Solitamente quella reperibile in commercio ha un sapore meno intenso ripasta con pesto di zucchinespetto quella selvatica. Io ho dosato le quantità utilizzando menta selvatica, quindi dal sapore particolarmente intenso e marcato. Mentre frullate, quindi, vi consiglio di assaggiare spesso il pesto per regolare il contributo della menta secondo le vostre preferenze.

Giudizio: 5 su 5 – votato da 2 persone

Precedente Risotto con seppie e piselli Successivo Branzino (spigola) al forno con patate